Sembra ieri:

il 3 giugno 1969,
a Chieti Scalo,
in V.le Benedetto Croce n. 40,
apriva la Pasticceria Veronese...
..Alla guida di questa avventura c’era una giovane coppia, Assunta De Acetis e Giovanni Antonini, chiamato da tutti Gianni.

Lei, originaria di Pescara, penultima di undici figli, amante del bello (ricordata da tutti come una bellissima donna), sempre con il sorriso sul volto, piena di voglia di vivere e con un amore spropositato per il suo lavoro e suo marito Gianni: una donna piena di energie e idee innovative!

Lui, originario di Verona, pasticcere rinomato, è un uomo tutto fare! La sua giornata iniziava allora, come oggi, all’alba: alle quattro del mattino era già in laboratorio con le mani in pasta pronto ad affrontare il lavoro con passione e dedizione. Nonostante gli orari difficili e la fatica, non ha mai fatto mancare nulla alla sua famiglia. Grande amante dello sport, in primis del ciclismo, ripensando a quel periodo sottolinea con orgoglio: “Non avevo la bici buona, ma mi stavano tutti dietro!”.

Fu proprio la passione in comune per i dolci a far conoscere e innamorare Gianni e Assunta e dal loro amore nacquero “Le Tre Sorelle Veronese”: Marinella, Paola e Patrizia.
Tutti ricordano la famiglia Antonini-De Acetis per la complicità e i modi affabili: il loro “negozietto”, a quei tempi lungo e stretto con lavorazione a vista, era sempre affollato di clienti golosi.

Gianni e Assunta, con l’ottimismo che da sempre li ha caratterizzati, decisero di ampliare l’offerta per la propria clientela e, nel 1975, spostarono l’attività in Via Pescara dove, a quei tempi, non c’era altro che campagna, confidando che di lì a poco si sarebbe sviluppato un nuovo fulcro della vita cittadina.

Purtroppo, nel 1980, Assunta si ammalò di leucemia, e nel giro di due mesi, la malattia se la portò via. La sua morte scosse tutta la città e soprattutto Gianni, che si ritrovò solo e disorientato con le sue figlie Marinella (18), Paola (17) e Patrizia (13). La perdita di Assunta non cancellò il prezioso lavoro fatto fino a quel momento per la pasticceria e, anzi, le tre figlie si rimboccarono le maniche e continuarono dignitosamente il lavoro dei genitori.

Intanto, Giovanni Grilli, originario di Chieti era entrato a far parte del team della pasticceria: “Eroun ragazzo in cerca di un lavoretto estivo per comprarmi il motorino e ho trovato l’amore: quello per la pasticceria, che mi ha insegnato il mio maestro Gianni e quello per la donna della mia vita, Marinella, sua figlia.”

Giovanni Antonini e Giovanni Grilli: il nome che li accomuna sarà solo una coincidenza? Una cosa è certa: i due se la intendono sin dal primo giorno, quando Gianni aveva visto nel giovane Giovanni la stoffa del grande pasticcere!

Nel 1990, Giovanni e le tre sorelle decisero di dare una loro impronta all’attività, non solo rinnovando il locale, conferendogli sempre più un aspetto moderno ed elegante, ma anche inserendo nuove offerte come la ristorazione veloce, la cioccolateria e la pasticceria moderna.

I tempi sono cambiati: oggi la strada è sempre più in salita per l’artigianato e il commercio, con sfide nuove e continue, ma Marinella, Patrizia e Giovanni, grazie all’amore e alla passione per ilmproprio lavoro, rendono pienamente onore all’attività avviata mezzo secolo fa dai due giovani innamorati che, insieme, hanno creduto in quel “negozietto” e che oggi rappresenta un punto di riferimento per la pasticceria abruzzese e non solo.
Sono uniti nell’offrire ai clienti vecchi e nuovi sempre qualcosa in più, nel mantenere nel tempo la medesima qualità, vivendo ogni giorno come una nuova avventura, da affrontare con il sorriso sulle labbra!

..Semper ad maiora..

Un grazie particolare va a tutti i nostri collaboratori, che dal 1969 ci hanno sostenuto ed accompagnato in questo cammino, con dedizione e fedeltà.

Un grazie speciale va a tutti voi, clienti affezionati, che negli anni ci avete sempre apprezzato e scelto, affidandoci il compito di accompagnare i vostri dolci momenti per renderli unici e memorabili.